Ecco alcuni consigli utili per voi, per tonificare cosce, glutei e fianchi efficacemente

Come prima cosa, pensiamo a tonificare le cosce. Oltre allo squat (da eseguire con o senza manubri, oppure con una palla), oltre agli affondi, alla bicicletta e alla corsa, quali saranno gli esercizi più adatti per raggiungere il nostro obiettivo? Visto che siamo in estate, il mio consiglio è, per iniziare, quello di approfittare dell’acqua del mare per poter tonificare le gambe ed anche i glutei. Basterà camminare in acqua per una trentina di minuti, o eseguire delle rotazioni per ottenere degli effetti visibili in poche settimane.

Per eseguire le rotazioni non dovrete far altro che rimanere in posizione eretta sul posto. Sollevate leggermente la gamba ed eseguite dei movimenti circolari per qualche minuto. Ripetete con l’altra gamba ed eseguite l’esercizio per tre volte.

Per rassodare il fondoschiena il primo consiglio che vi do è invece quello di … camminare! Camminate a piedi, evitate ascensori e scale mobili, correte, nuotate, fate step, andate in bicicletta …! Ma se ciò non dovesse bastare, ecco un esercizio utile per voi: coricatevi su un fianco con entrambe le gambe stese a novanta gradi di fronte a voi. A questo punto, sollevate la gamba destra verso l’alto e tornate poi alla posizione di partenza. Ripetete il movimento 15 volte per tre serie per ogni gamba.

Infine, un esercizio per tonificare i fianchi: coricatevi sul fianco sinistro sul pavimento e portate la mano destra sul bacino. La testa sarà appoggiata alla mano sinistra. Sollevate il fianco e le spalle verso l’alto, senza sforzare eccessivamente. Tornate alla posizione di partenza. Ripetete l’esercizio 10 volte per tre serie per ogni lato.

Mangiare ogni 3 ore. Questo è l’assunto principale su cui si basa la dieta delle 3 ore, ideata dal giornalista Jorge Cruise, che promette di far perdere a chi la segue circa 5 chili in un mese a patto però che si rispettino tre regole principali.

1 fare colazione entro un’ora dal risveglio

2 mangiare ogni 3 ore

3 smettere di mangiare tre ore prima di andare a letto

Ma perchè funziona questa dieta? Mangiare ogni tre ore non vuol dire finire per mangiare troppo?

No, perchè mangiando ogni tre ore si mantiene il metabolismo attivo e i livelli degli zuccheri nel sangue si mantengono stabili. L’organismo non va in carestia perchè non avverte carenze di cibo e quindi il metabolismo non si abbassa come nelle diete da fame.

Ogni pasto deve essere composto da 400 calorie, in prevalenza proteine magre e verdure, e da spuntini di 100 calorie. Non manca il dessert dopo cena che deve essere di 50 calorie. In totale l’assunzione giornaliera deve essere di 1450 calorie anche in base all’attività fisica svolta.

Ma vediamo il menù tipo della dieta delle tre ore

Colazione

Farina d’avena, cannella, banana, uvetta e 1/4 di latte scremato

oppure due cialde di grano con burro d’arachidi e 1/2 banana a fette

Dopo 3 ore spuntino, 2 tazze di anguria, oppure una pesca con 5 mandorle per esempio

Pranzo dopo tre ore

pasta integrale con sugo di verdura e una bella insalata oppure spinaci con carote, pomodorini, cipolla peperone e pollo, oppure tonno o salmone più feta greca con aceto balsamico.

Merenda dopo tre ore dal pranzo

un frullato per esempio

Cena dopo tre ore

carne o pesce alla brace più verdure in abbondanza

Dessert

yogurt con frutti di bosco e mele oppure tre fragole immerse in un cucchiaio di budino al cioccolato per appagare la voglia di dolce.

Anche la dieta Zona come la dieta Zero ha per obiettivo il mantenimento del perfetto equilibrio tra insulina e glucagone, attraverso la corretta ripartizione dei macronutrienti, questa volta però in un rapporto di 40-30-30, 40% di carboidrati, 30% di proteine, 30% di grassi.

Come si può notare la dieta Zona è una dieta low carb, ma non a prevalenza proteica, per questo motivo chi la segue difficilmente sentirà i morsi della fame, se rimane in zona, e trarrà comunque energia dal consumo dei carboidrati

Rimanere in zona significa non superare le 500 calorie per il pasto principale e le 100 per lo spuntino.

Le donne dovrebbero rimanere sulle 1100 – 1200 calorie giornaliere, gli uomini sulle 1400-1600. A tavola è meglio dare la preferenza a verdure e ortaggi e preferire grassi monoinsaturi a quelli saturi.

Vanno evitati gli alimenti trasformati e i condimenti troppo salati. Si consiglia inoltre di bere otto bicchieri d’acqua al giorno.

8-10 kg al mese la perdita di peso possibile, anche se l’obiettivo di questo regime alimentare è la riduzione della massa grassa.

Alimentarsi in zona significa, a detta degli esperti, essere al riparo da patologie cardiovascolari e diabete, il tutto attraverso il calcolo dei blocchi alimentari (leggi qui)

Ma vediamo i menù tipo della dieta a zona

Menù tipo 1

Colazione

uova con formaggio e asparagi

Pranzo

pollo alla griglia con insalata Cesar

Cena

peperoni ripieni di ceci

Snack spezzafame

muffin al mirtillo e arancia

Menù tipo 2

Colazione

Muffin ai mirtilli

Pranzo

Merluzzo al forno con senape e lenticchie

Cena

Petto di pollo con verdure

Snack

In passato abbiamo parlato di indice glicemico della frutta, di quale frutta è meglio consumare se siamo a dieta o comunque vogliamo tenere la glicemia bassa per evitare problemi in futuro. L’indice glicemico, ricordo, è la velocità con cui vengono assorbiti gli zuccheri di un alimento nel sangue.

Un indice glicemico considerato basso è inferiore a 55, medio è compreso tra 55 e 70, mentre l’indice glicemico alto è quello che va dai 70 in su.

Qualche post fa abbiamo visto anche come conoscere l’indice glicemico degli alimenti più comuni attraverso le apposite tabelle.

Abbiamo anche analizzato l’indice glicemico di un alimento molto quotato da chi è sempre a dieta, le gallette di riso, e visto come in realtà non sia poi così leggero come vogliono farci credere.

In questo post parliamo sempre di frutta, ma di quale sia la migliore da consumare prima di andare a dormire per conciliare il sonno.

Prima di andare a dormire, premetto, bisogna essere digiuni da almeno un paio d’ore e la frutta consumarla quindi almeno due ore prima di andare a letto per non ottenere l’effetto contrario.

Detto questo è meglio preferire la frutta che contiene triptofano. Il triptofano è il precursore della serotonina, che lavora in sinergia con la melatonina per favorire un buon sonno.

Contengono triptofano le banane, il mango, i datteri e anche certi tipi di frutta secca e semi oleosi come mandorle, nocciole, anacardi, semi di girasole, di zucca e di sesamo.

Chi è a dieta sarebbe opportuno che limitasse il consumo di certi frutti abbastanza calorici, almeno prima di dormire, ma se proprio non prendete sonno, insieme ad uno yogurt o ad un bicchiere di latte, anch’essi contenenti triptofano, preferite una bella manciata di mandorle o semi di zucca che sicuramente digerirete meglio prima di andare a letto ed eviterete così il fastidioso fenomeno di fermentazione tipico della frutta.

La carta prepagata è uno strumento semplice da usare, anche se costoso è uno strumento di pagamento che consente di tenere sotto controllo le spese perchè si può spendere solo quello che hai caricato sulla carta prepagata. Oltre non si può andare, e se non c’è il denaro necessario per il pagamento la transazione non va a buon fine.

Risulta essere uno strumento di pagamento che può essere usato anche dai minori, per i giovani esistono delle carte prepagate per minori. Ma si deve insegnare a usarla, non per farli diventare fin da piccoli dei consumatori . Ma per farli diventare un domani dei consumatori consapevoli e a imparare a gestire il denaro.

Quando si usa la carta prepagata sia giovani che meno giovani devono tenere a mente che si tratta di una carta di pagamento, anche se sicura, perchè come scritto sopra si può spendere solo quanto caricato sulla carta, quindi in caso di furto, smarrimento o clonazione si perde solo quanto caricato, si deve usare con buon senso. I dati della carta pin, password e codice di sicurezza vanno custoditi con cura, per evitare che finiscano in mani sbagliate.

Se vi piace fare acquisti online si deve fare attenzione dove si usa per evitare la clonazione della prepagata. Utilizzate solo siti sicuri che non vi chiedono i dati via email.

La carta prepagata Carige Easypay Young è una carta prepagata per ragazzi da 11 a 18 anni è emessa da Banca Carige, come per Carige Easypay la sorella maggiore, il circuito della carta è Maestro, il plafond è di €1000,la validità 5 anni. Il costo di emissione della carta è di €5.

Carige Easypay Young si  puà usare per acquisti in Italia in tutti i negozi convenzionati Pagobancomat, all’estero coni negozi convenzionati con il circuito Maestro. Per acquisti tramite POS o internet in valuta euro non si pagano commissioni, per acquisti tramite POS o internet con valuta diversa dall’euro il costo è di €1,50. Il limite di spesa giornaliero è il controvalore caricato sulla carta.

Ricaricare Carige Easypay Young.
E’ possibile ricaricare la carta presso le filiali del gruppo Carige al costo di € 2,50, da ATTM del gruppo al costo di €1, da internet tramite hombanking al costo di €1. La ricarica minima è di €20, la ricarica massima è di €1000.

Prelevare contante con Carige Easypay Young.
E’ possibile prelevare denaro in Italia tramite ATM del gruppo senza costi, da ATM altre banche con una commissione di €2. All’estero, zona UE da ATM abilitati Maestro al costo di €2. All’estero fuori zona UE da ATM abilitati Maestro con una commissione del’1,8% con commissione minima di €3. Il limite di prelievo giornaliero da ATM del gruppo è  di €250 o il controvalore caricato sulla carta se inferiore ai €250. Sempre in Italia da Bancomat altre banche il limite massimo di prelievo giornaliero è di €250. All’estero da ATM Maestro il prelievo massimo giornaliero è di €250.

Blocco rimborso
E’ possibile richiedere il blocco della carta a seguito di furto o smarrimento telefonando al numero verde con un costo di €12,91, o recandosi presso la filiale di Banca Carige per chiedere il blocco della carta senza costi. E’ possibile richiedere in qualsiasi momento estinzione e rimborso il costo è di €2 con giacenza minima di €10.

Saldo e movimenti.
Risulta essere possibile consultare saldo e movimenti in filiale o da ATM senza costi.

Sempre più italiani usano le carte di pagamento sia online che nei negozi. Si certo non siamo al livello dei paesi europei ma anche gli italiani per comodità e per andare i giro con meno contanti stanno imparando ad usarle. Anche se è online dove si registra un aumento delle transazioni.
Di seguito delle semplici regole per un corretto utilizzo.

Qualsiasi sia la carta di pagamento utilizzata, cioè carta di credito, bancomat o carta prepagata i consigli per un corretto utilizzo sono identici.

Quando richiedete la carta di credito, l’emittente consegna separatamente la carta di credito dal Pin. Quando ricevete il pin controllate che la busta sia integra e non sia stata manomessa.

Non conservate mai il pin insieme alla carta in casa o nel portafoglio, o nel porta carta di credito.

Inserite nella rubrica del telefonino il numero per contattare l’emittente. In caso siate lontano da casa e perdete la carta di credito o vi è stata rubata si potrà immediatamente chiedere il blocco.

Ricordate che la carta di credito a dei limiti di spesa, tenete sempre sotto controllo i movimenti. Grazie all’internet banking è possibile conoscere sempre i movimenti della carta di credito senza aspettare l’estratto conto.

Firmate la carta di credito sul retro.

Il Reddito Operativo Lordo, chiamato anche ROL, è rappresentato dalla differenza tra i ricavi ottenuti dall’azienda dallo svolgimento delle proprie attività ordinarie e i costi, sempre relativi alle attività ordinarie.

Per essere più precisi, i ricavi da considerare per il calcolo del Rol non includono gli interessi attivi, le rivalutazioni e tutti gli altri proventi straordinari.
I costi utilizzati per il calcolo non includono le quote di ammortamento e i canoni di leasing.

Il Rol non deve quindi essere confuso con il Mol, che rappresenta l’utile prima degli interessi, delle tasse e degli ammortamenti, relativamente a cui è possibile vedere questa guida sul margine operativo lordo pubblicata su questo blog.

Il Rol è uno strumento importante per capire l’andamento dell’azienda.
Tramite questo dato è infatti possibile capire quale risulta essere il reddito generato dall’attività principale di un’azienda.
Questo ci permette di capire lo stato dell’attività meglio che il solo utile.

Bisogna infatti considerare che un’azienda potrebbe avere un utile positivo ma un Rol negativo.
Questo può succedere se l’utile è determinato dalla presenza di proventi finanziari straordinari, non legati all’attività produttiva.
In una situazione di questo tipo si potrebbe pensare che l’azienda abbia un andamento positivo, ma in realtà la situazione è negativa visto che l’attività principale produce delle perdite.

A questo punto è semplice capire l’importanza del Rol.
Questo viene infatti utilizzato spesso per stimare il valore di una società in borsa.

La paura di prendere fregature spinge molti italiani ad evitare gli acquisti online, anche se sono sempre di più quelli che hanno imparato ad usare internet anche per gli acquisti.
Il volume di affari non raggiunge quello di altri paesi europei come Francia, Germania e Regno Unito, ma sta crescendo anche da noi. Gli italiani hanno speso su internet oltre dieci miliardi di euro .

Come evitare le truffe online

Risulta esserevero che la fregatura è sempre in agguato sia per quanto riguarda l’oggetto acquistato, che la clonazione della carta di pagamento.
Ma rispettando delle semplici regole di buonsenso si possono ridurre i rischi ed evitare le truffe sul web. I consigli sono sempre gli stessi che si ripetono da tempo.
Come ad esempio quando ti registri nei siti di commercio elettronico non usare la stessa password, per tutti i siti. Non usate quella del conto corrente online, o quella dell’internet banking della carta. Quando scegliete una password questa deve essere più di otto caratteri comprendere lettere maiuscole e minuscole, numeri e simboli. Non scegliete parole di uso comune. Come scegliere password sicure.

Consulta sovente la lista movimenti della carta di pagamento.

Consultare spesso la lista movimenti della vostra carta di credito e se trovate qualche addebito sospetto chiedete informazioni al servizio clienti della vostra carta. Attivata alla carta i servizi di sms allert,in modo da essere avvisati ogni volta che la carte viene usata. Attivate anche i servizi di anti-frode che ormai tutti i circuiti di pagamento hanno. Chiedi alla tua banca come e attivarli.

Non acquistare su siti sconosciuti.

Acquistate sempre da venditori affidabili, e non comunicate mai a terzi i dati della carta di pagamento, tipo pin, password, cvv, che è il codice di sicurezza stampato sul retro della carta. Prima di acquistare controllate le condizioni di vendita, i dati del venditore, qual è il pagamento accettato, quali sono i costi di spedizione.

Ricordati di fare il log out.

Usa il browser aggiornato, ed effettua il log out quando esci dal sito di commercio elettronico.

Come si può acquistare una carta prepagata ricaricabile e poi non sapere cos’è una carta prepagata, come si ricarica, quanto costa la ricarica. Dove e come si può prelevare, e quali commissioni siano applicate al prelievo. Se ha e qual sia l’iban associato. Come si accede all’internet banking della carta.
Possibile che prima di richiederla il giovane, o meno giovane, non si informa su cosa stia acquistando?
Su internet sia nei siti delle banche, poste o altre società che emettono questo tipo di strumento di pagamento spiegano cosa sono le carte prepagate ricaricabili come si usano e i costi.

Eppure su internet nei forum e sui social network, si trovano domande del tipo ho acquistato la carta prepagate di tale banca ma come la ricarico, come si usa, come si controlla il saldo è movimento.
Capisco che oggi è molto più semplice rivolgere la propria domanda su un social, sperando di trovare persone che siano nella stessa situazione. Dove si spera che la risposta si immediata. Ma queste domande dovrebbero essere state rivolte prima dell’acquisto alla società che emette la prepagata. Gran parte delle risposte sono nel prospetto informativo e sul sito internet di chi ha emesso la carta.

Eppure quando un giovane,o meno giovane, acquista lo smartphone di ultima generazione, si pone mille domande sulle applicazione installate, sul sistema operativo, confronta le varie offerte e solo dopo prende una decisione. Su quale modello comprare e quale operatore telefonico scegliere.
E allora perchè non lo fa quando è alla ricerca di una carta di pagamento?
Senza prendere le giuste informazioni si rischia di richiedere un prodotto non solo che sia più costoso degli altri, ma anche che non sia adatto alle proprie esigenze.
Non è sbagliato dire che in ambito economico in Italia manca la cultura del risparmio, e grazie a questo gli operatori finanziari negli anni hanno guadagnato bene.