Torcs è un gioco gratis di macchine molto interessante.

Passiamo subito alle caratteristiche generali del gioco, oltre 50 modelli di autovetture super elaborate disponibili e più di 20 tracciati di pista differenti. Ricordati che devi gareggiare con altri piloti bravi come te o forse più in gamba tecnicamente, l’importante è che non ti fai prendere dal panico e non sottovaluti le tue potenzialità.

A livello di simulazione, il realismo offerto da Torcs è impressionante e grazie al supporto multipiattaforma puoi installarlo non solo in Windows ma anche in Linux e Mac. Ma chi sono i tuoi avversari? Il gioco prevede che ogni giocatore avversario sia gestito dal computer, mediante robot automatizzati, ma puoi anche decidere di giocare contro giocatori reali come te, mediante l’impostazione iniziale una volta avviata l’applicazione.

Per scaricare il gioco clicca. Il file di setup è di 139 MB, visto le numerose caratteristiche incluse e il livello grafico di ogni elemento nel gioco. Una volta lanciato, devi configurare il profilo dei giocatori che parteciperanno alla gare, fino ad un massimo di 10 piloti, e le opzioni generali.

L’intera configurazione non è difficile, è stato concepita per essere capita dalla maggior parte degli utenti che cercano questo genere di gioco da pc. A contrario degli altri simulatori di gare in internet, Torcs ha semplificato le operazioni e le varie voci, lasciando quelle necessarie per una esperienza di gioco completa e stimolante.

Ogni giocatore può essere personalizzato, dalla scelta del nome e del modello di vettura che dovrà pilotare, selezionando anche il tipo di trazione: trazione posteriore, trazione interiore, trazione integrale ed auto a trazione integrale del genere fuoristrada.

Ovviamente, in base al tipo di trazione, avrai a disposizione uno specifico modello di macchina, fino ad un totale di 50 automobili reali, rappresentare in maniera superba.

Se sei amante della comodità, puoi scegliere il cambio automatico rispetto a quello manuale, riservato a chi vuole una guida sportiva completa e tradizionale. Ma non è ancora finita la configurazione! Il sistema prevede l’impostazione del numero di fermate ai box ed il livello di gioco, basato sul grado di danni meccanici ed al telaio che la macchina può subire. Se vuoi portare la gara ad un livello di realismo quasi totale, ti suggerisco di optare per il livello Pro, dove i danni possono arrivare al 100% ed anche l’aderenza dell’asfalto corrisponde praticamente alla situazione concreta.

Il gioco prevede differenti tipi di gare, che vanno dalla inevitabile pratica iniziale per prendere familiarità con tutti i comandi, fino al campionato vero e proprio, dove ogni prova diventa realtà.

Se vuoi evitare di usare la tradizionale tastiera, puoi ricorrere al joystick o il volante, purchè installi precedentemente la relativa periferica nel tuo computer.

Tra gli strumenti migliori per controllare i processi in Windows troviamo Process Monitor, un programma gratis molto interessante.

Si tratta di una utility che è in grado di visualizzare in tempo reale le attività di Windows relative ai file system, al registro di sistema e ai processi in esecuzione.

Process Monitor è abbastanza semplice da usare, ma la quantità di eventi generati da Windows è enorme e l’utente rischia di essere travolto da una valanga di informazioni. Per visualizzare solo gli eventi rilevanti e semplificare la ricerca delle informazioni è possibile attivare uno o più filtri. Si possono filtrare al volo gli eventi in base alla loro tipologia grazie ad alcuni pulsanti della barra degli strumenti. Le tipologie previste sono, Registro, Fyle System, Processi e thread, Rete ed infine e Process profiling.

In alternativa si può definire un filtro personalizzato usando un comodo pannello in cui si possono ineserire una o più condizioni che devono verificarsi perchè gli eventi vengano visualizzati. Process Monitor mette a disposizione moltissimi parametri differenti che permettono un livello di personalizzazione altissimo. Risulta essere importante notare che i filtri non sono distruttivi. Process Monitor cattura infatti tutti gli eventi, a prescindere dai filtri attivi non sono distruttivi. Il programma cattura infatti tutti gli eventi, a prescindere dai filtri attivi impostati.

La procedura più semplice e completa per caricare la  seconda partizione del disco primario, consiste nell’aggiungere alla configurazione del bootloader di Linux un’opzione aggiuntiva per la partizione che contine il sistema operativo Windows in forma avviabile. Questa operazione è relativamente semplice e l’unica complicazione è individuare sotto quale nome di dispositivo la partizione è stata configurata in ambiente Linux.

Per questo si può utilizzare un programma di gestione delle partizioni da Linux oppure avviare il computer da un Cd-Rom contenente una utilità di questo tipo, come GpartEd. Con questo strumento si potrà individuare la partizione con il sistema operativo e conoscerne la dimensione, la posizione nel disco e altro ancora. Trovato il nome del dispositivo, sarà facile modificare le impostazioni del bootloader. Questa operazione può essere eseguita manualmete oppure con utilità come SuperGrubDisk.

Per quanto riguarda l’accesso alla partizione mascosta che contiene il sistema operativo in formato compresso, al momento dell’acquisto del computer dovrebbe essere stato fornito un apposito disco di avvio che da accesso a queste informazioni. Eseguendo il boot da questo disco si ha la facoltà di avviare la procedura di installazione o di ripristino anche nel caso in cui il computer non sia in grado di caricare il Sistema operativo nella partizione primaria.

Se il disco non fosse stato fornito al momento dell’acquisto, viene consigliato di rivolgersi all’assistenza tecnica del produttore del pc.

In rete troviamo diversi siti che permettono di scaricare immagini.

Il primo sito che è consigliabile visitare è la sezione di ricerca del sito di supporto alle licenze Creative Commons. A partire da un tradizionale modulo, permette di cercare su alcuni dei più noti servizi di condivisione di file multimediali riutilizzabili liberamente.

Le ricerche vengono eseguite direttamente sui siti dei servizi e si può passare da un risultato ad un altro utilizzando le schede mostrate in alto nella pagina. Accanto alla casella due check box: spuntando il primo, la ricerca mostrerà anche elementi che utilizzabili sui siti a scopo commericale, spuntando il secondo verranno visualizzabili anche gli elementi modificabili.  Tra i motori di ricerca specifici per i contenuti liberi da copyright citiamo anche due metamotori, ossia due siti che aggregano in un’unica interfaccia risultati provenienti da altri motori di ricerca:

Everystockphoto e, ben più ricco di opzioni e risultati, PicFindr. Chi volesse utilizzare immagini professionali, di solito più numerose e a maggiore risoluzione di quelle gratuite, potrebbe invece provare Fotolia o il noto Istockphoto. In entrambi i casi le immagini, create da fotografi e designer e messe in vendita attraverso l’intermediazione del sito, possono essere pagate tramite un abbonamento o attraverso l’acquisto di crediti. Il prezzo dei singoli file varia in base alla risoluzione e altri parametri. Oltre alle fotografie, questi siti offrono anche immagini vettoriali, illustrazioni e video.

In questo articolo segnaliamo alcune applicazioni per controllare gli smartphone Symbian,

TotalRecall  consente di registrare tutte le conversazioni che transitano da un determinato telefonino , vediamolo nel dettaglio

si tratta di un software commerciale dal costo di 15 euro , scaricabile dal sito www.killermobile.com

una volta scaricato sul nostro PC , installiamo l’applicazione sul cellulare che vogliamo controllare  attraverso la suite Nokia ovi suite.

al primo avvio del programma ci viene detto se vogliamo che il nostro TotalRecall venga avviato  automaticamente ogni volta che si accenderà il telefonino , naturalmente rispondiamo SI

per selezionare la tipologia di chiamate che vogliamo registrare dobbiamo andare in Settings – Auto Recording

per permettere di registrare le conversazioni di nascosto dobbiamo selezionare NO sia su Ask before save e Display end of call.

per ricevere le registrazioni sotto forma di MMS , dobbiamo andare su Auto Send e selezionare By MMS

e possibile ricevere le registrazioni anche sotto forma di allegato di una email , basta configurare la connessione dati in  Access Point

Ma la più completa è sicuramente l’applicazione chiamata Guardian e più precisamente con la versione Platinum di tale applicazione siamo in grado di

recuperare l’intera lista delle chiamate effettuate

recuperare l’elenco di tutti gli sms inviati e ricevuti

conoscere le coordinate GPS del telefonino per controllarne gli spostamenti attraverso la ricezione di links da visualizzare su Google Maps   

una volta installato questo software sul telefonino da controllare , possiamo ottenere tutte queste  informazioni semplicemente mandando un sms con un apposito comando , il tutto senza che il possessore si accorga di nulla , Guardian si scarica dal sito www.guardian-mobile.com per la sua configurazione e il suo utilizzo vedi i manuali in PDF.

Oggi vediamo come modificare foto con iPiccy.

Si tratta di uno strumento gratuito online compatibile con tutti i tipi di browser che senza neanche la registrazione, consente di caricare, modificare e condividere con altri utenti le proprie immagini, in una vera e propria community virtuale di appassionati di immagini.

iPiccy è in inglese ma questo non rappresenta un ostacolo, poichè ogni operazione è molto intuitiva e concepita per essere compresa da qualsiasi utente, indipendentemente dal livello di conoscenza linguistica o tecnica. Per iniziare ad utilizzare questo tool online, è sufficiente premere il pulsante Start Editing. Subito si apre una seconda finestra, dove sono visualizzati quattro pulsanti

-Upload photo from PC

-From URL

-From camera

-New painting.

Come possiamo notare, oltre che caricare immagini esistenti iPiccy permette anche di disegnarne nuove, stabilendo dimensioni ed utilizzando una serie di strumenti decisamente avanzati.
Il tool è suddiviso in quattro sezioni, editor, effetti, testo e disegno libero.

Con l’editor possiamo eseguire ridimensionare, eseguire tagli, ruotare, correggere i colori, distribuire i livelli cromatici in maniera omogenea, agire sui contrasti, regolare la luminosità, intervenire sulla saturazione e la tonalità. Sempre con l’editor, possiamo rendere la fotografia in bianco e nero, creare un effetto seppia, bilanciare i colori, aggiungere nuovi colori non presenti, invertire i livelli cromatici, ed aggiungere diversi filtri fra cui:

-filtro noise

-filtro emboss

-filtro blur

-filtro sharpen

Infine, possiamo arrotondare i bordi, aggiungere cornici, realizzare una sorta di effetto vignetta, creare l’ombra e ribaltare l’immagine a mo’ di specchio. Tutto questo riguarda solamente la sezione editor di iPiccy.

Per quanto concerne gli effetti applicabili alle immagini, iPiccy consente di dare libero sfogo alla nostra vena creativa, usando una serie di strumenti artistici innovativi come la Pop Art e la trasformazione stile cartone animato. Alle immagini è permessa l’aggiunta di testo, usando i più diffusi font per creare loghi altamente personalizzati.

Per quanto riguarda il disegno libero, iPiccy è molto simile a GIMP, con la presenza dei livelli, lo storico delle operazioni eseguite ed una piccola cassetta degli attrezzi che comprende il taglierino, la gomma, il prelievo colore, lo sfumino, la lente di ingrandimento, la matita ed il pennello.

Tutto questo e molto altro è offerto da iPiccy, valido strumento mediante il quale siamo in grado di modificare le nostre foto correggendo difetti ed aggiungendo nuovi e fantastici effetti. Il servizio è ancora in fase Beta, quindi gli sviluppatori introdurranno gradualmente miglioramenti, anche se allo stato attuale sembra che offra più di quanto occorre per i piccoli e grandi fotoritocchi di ogni giorno.

In rete sono disponibili diversi strumenti da utilizzare per modificare foto, tra i più interessanti troviamo sicuramente Fotoflexer.

Si tratta di un servizio gratuiti che mette a disposizione numerose possibilità, vediamo più del dettaglio come funziona.

Come prima cosa, è necessario accedere alla pagina iniziale con il browser. Tramite questa pagina è possibile caricare la foto da modificare selezionandola dal proprio computer.

Una volta completato il caricamento, viene aperto lo strumento per modificare la foto.
Le opzioni sono divise in varie categorie, a cui è possibile accedere tramite il menu presente nella parte alta della pagina.

La prima categoria è Basic, in questa sezione troviamo gli strumenti per eseguire le modifiche più semplice come ridimensionare, ritagliare, ruotare e correggere i colori.
Nella sezione Effects sono disponibili vari effetti da applicare alla propria immagine, gli effetti sono numerosi e possono essere applicati in modo molto veloce.
Molto interessante è anche la categoria Decorate che permette di inserire elementi grafici e testo oltre che di disegnare sull’immagine caricata.
Troviamo poi Animations che offre la possibilità di aggiungere una delle animazioni messe a disposizione.
La sezione Beatify permette di migliorare l’immagine tramite alcuni strumenti molto semplici da utilizzare.
Distort offre invece la possibilità di applicare effetti piuttosto particolare tramite cui è possibile allargare e allungare l’immagine.
In Layers troviamo strumenti più avanzati per la gestione dei livelli, si tratta di un’opzione sicuramente utile per chi desidera fare modifiche più complesse.

Fotoflexer offre quindi molte possibilità e permette di effettuare modifiche di vario tipo.

Come detto in precedenza gli strumenti di questo tipo presenti online sono numerosi, consigliamo quindi anche la guida sui siti per modificare foto proposta dal sito Marcoappe.com su cui sono presenti diverse alternative interessanti.

Il documento di trasporto è un documento che è stato introdotto dalla legge in sostituzione della bolla di accompagnamento e che non è obbligatorio.

Lo scopo del documento di trasporto è piuttosto semplice, serve per spiegare il motivo per cui un determinato prodotto viene trasferito dal cedente al cessionario.
Il documento deve essere quindi emesso prima che venga effettuata la spedizione e deve contenere tutte le informazioni sull’operazione.

In particolare troviamo alcuni dati che devono essere sempre presenti.
Si tratta del numero progressivo, della data, dei dati del cedente, dei dati del cessionario, dei dati dell’incaricato al trasporto, della quantità di prodotti trasportati e della descrizione di questi.

Non è obbligatorio specificare il motivo ma è consigliabile comunque indicarlo.

Non esiste un modello esatto da seguire per il documento di trasporto, l’importante è che siano presenti i dati specificati in precedenza.
In rete troviamo diversi modelli, tra i più semplici segnaliamo il modello di documento di trasporto disponibile sul sito ModellieFacsimile.com.

Il documento di trasporto deve essere emesso in un minimo di due copie, una viene conservata da chi ha emesso il documento e l’altra deve essere consegnata al cessionario con la merce trasportata.

Oggi vedimo come programmare lo spegnimento del computer.

Può capitare dimenticare il computer acceso sia a casa che in ufficio e questo rappresenta uno spreco di risorse da evitare. Può capitare anche di addormentarci davanti al monitor mentre stiamo guardando il nostro film preferito sul dvd mediante Windows Media Player o VLC. Allora sarebbe una mossa intelligente, poter disporre di un programma possibilmente gratis con il quale programmare lo spegnimento automatico del computer nell’ora in cui desideriamo.

Oggi presento un semplicissimo software completamente gratis con il quale è possibile stabilire l’arresto del sistema in modo automatico, stabilendo giorno, ora e minuti, ShutDownTime. Oltre allo spegnimento completo, con questo sensazionale programma si può stabilire l’auto StandBy o l’auto ibernazione.

Onde evitare eventuali perdite di dati mentre stiamo lavorando, ShutDownTime consente anche di configurare un messaggio di avviso che il computer si sta spegnendo automaticamente, così da permetterci di salvare il lavoro prima che l’arresto di Windows abbia luogo.

Il programma può essere scricato dal sito ufficiale in modo veloce.

In questa guida vediamo quali sono i migliori strumenti per pagare online in modo sicuro.

Il modo per pagare più utilizzao è paypal. Moltissimi conoscono questo strumento, considerato sicuro poichè consente il pagamento tramite il proprio account, evitando di scambiare le informazioni personali e dettagli carta di credito con chi ci vende il prodotto. Se vogliamo usare come piattaforma di acquisto ebay, noteremo che paypal è il metodo di pagamento più diffuso e suggerito dal portale stesso.

Per usare paypal è necessario ovviamente l’iscrizione al sistema, inserendo una propria mail valida alla quale associamo una carta di credito o carta di debito. Oltre alla carta di credito, in paypal è possibile associare il proprio conto bancario, da cui prelevare i soldi.

Il vantaggio effettivo di paypal non sta solo nel fatto di eseguire l’acquisto in maniera sicura senza che il venditore entri in contatto con i nostri dati riservati, ma anche perchè consente il rimborso completo, qualora riceviamo un prodotto diverso o danneggiato.

Un’alternativa interessante è rappresentata da Wirecard. Un metodo nuovo che consiste in una carta di credito del circuito Mastercard, che può essere tranquillamente ricaricata mediante bonifico bancario o qualsiasi altra di credito o debito. Anche in questo caso si ricorre ad un modo per pagare in internet senza rischiare perdite di soldi.

Un altro strumento utile è rapresentato da PaySafecard, una carta prepagata venduta nelle tabaccherie o negozi abilitati (nel sito troverete i punti vendita più vicini alla vostra residenza) disponibile nei vari tagli che vanno da 10 euro a 100 euro. Questo servizio si può comparare alle ricariche dei telefonini, ovvero dispongono di un codice nascosto ottenibile mediante la rimozione della pellicola sulla scheda. PaySafecard è usatissimo in rete per acquistare prodotti di medio costo, fra cui cd, giochi, dvd di film, oggetti vari.

Molto simile a PayPal, è anche MoneyBookers, una società inglese che offre un servizio sicuro ed altamente qualificato per acquistare online sempre utilizzando la propria email. In Italia, moneybookers non è molto utilizzata, o meglio il servizio sta prendendo gradualmente piede, tuttavia per esperienza personale posso affermare che è molto valido e sicuro. La procedura di registrazione è immediata, richiede neanche un minuto per essere iscritti, tuttavia occorre ricevere un codice al proprio domicilio che attesta la veridicità dei dati che abbiamo usato nel nostro profilo.